logo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Ut wisi enim ad

Discover Places

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh
Image Alt

Blog

Proverbi

Chi tanto lavorà, chi tanto a spasso,

chi beve er vino e chi l’acqua der fosso

 


 

E bòcce de a sposa

sò du’ mele ròsa,

e bòcce de u sposu

sò ‘n fattu curiosu:

girino ‘n mese,

po’ nove a riposu

 


 

E fémmine de piazza Margherita,

sò larghe de fianchi e strette de vita;

e fémmine de Genzano vecchiu,

prima pìino maritu o po’ u fanno seccu¹;

e fémmine d’a Nunziata,

pìino maritu e po’ gne lèvino a corata.

E femmine de vicolu Parmarini

prima pìino maritu e po’ gne levino i quatrini.

E regazze de a Piazza Nova

pìino maritu e po’ u danno a prova

 


 

Io sò gennaru che è freddo assai

e vajo dènno a tutti guai;

pe la troppa tramontana

vanno vestiti tutti de lana.

Io sò febbraru che freddo porto,

er mio vestito è troppo corto,

 e per questo cammino zoppo:

 io sò febbraru che freddo porto.

 Io sò marzo sventurato,

 che mai carne sò magnato,

 sempre erba e pesce fritto,

dei miei fratelli sò ‘r più afflitto.

Io sono maggio tutto mojoso,

che dove vado nun trovo riposo:

me ne vado sotto ar boschetto

a sentì ‘r canto der celletto

43.  Genzano sempre luccica¹

Genzano sempre luccica,

è pieno d’armonia,

c’è l’acqua fresca e limpida,

c’è er vino de bottìa.

Lo dicono le stelle

e ne fanno un grande vanto:

a vedé ste pupe belle

Genzano porta er vanto.

Poi c’è la Chiesa Nuova,

co tre, quattro scalini,

c’è la Piazza der Popolo²,

co tanti bei giardini.

Poi c’è la via Livia     

co due fontanelle,

dove vanno a prende l’acqua

tutte ste pupe belle,

dove vanno a prende l’acqua

tutte ste pupe belle